Ansia

sintomi-ansiaDentro la mia testa

Esco dal Cocktail Bar, dal lavoro, dalla mia nuova fonte di guadagno.

Sono diventato un runner, back and aperitif preparation.

Tradotto: Quello che fa il cameriere che aiuta anche il barman, che fa i taglieri salumi e formaggi e soprattutto lava un sacco di bicchieri.

Finito il turno butto giù un ciupito di rum con i colleghi , il sapore è forte e mi gratta la gola ma Continua a leggere

Annunci

Vivere da soli

solitudine

Vivere da soli è figo, hai la tua totale indipendenza  e bla bla… ma non è tutto rose e fiori, non sto parlando della rottura di scatole delle pulizie di casa, delle lavatrici o del cucinare. Parlo degli stati d’animo che vengono ingigantiti dalla solitudine, e stamattina mi è capitato di leggere un articolo mooolto interessante che tratta questo argomento nel dettaglio. Vi consiglio di darci un occhiata perché in alcuni punti ci sono anche citazioni di personaggi storici che fanno riflettere.

Continua a leggere

Vita in Campagna

Ho passato circa 20 anni della mia vita in campagna.

Villafranca Piemonte, ne avete sentito parlare? No? Ve l’assicuro esiste e forse la trovate anche sulle cartine geografiche… Questo ridente paesello che conta circa 5000 anime, (compresi gatti, cani, mucche, maiali ecc…) ha fatto da sfondo all’inizio della mia storia.
Pensate: Io non abitavo in centro, ma vivevo a circa 3 km dal paese, quindi se volevi fare una spesa, comprare solo del pane o le sigarette, dovevi prendere la macchina o la bici finché le stagioni te lo permettevano.
Essendo dimenticati da Dio, dall’ecosistema e dallo stesso comune di Villafranca, quella stradina di 3 Km era spesso abbandonata a se stessa…

Vi faccio un esempio pratico:

428332_2704504245926_1895084577_n

Tutto molto bello

Continua a leggere

Di notte

Innanzi tutto ringrazio anche i nuovi iscritti al blog, ragazzi abbiamo superato il traguardo dei 200 followers! 😉
GRAZIE, non voglio però dedicare questo articolo solo ai ringraziamenti, bensì ad un episodio che mi è capitato proprio questa notte, mentre tornavo a casa dal lavoro, ve lo racconto!

Dunque:

Ecco che, dopo circa otto ore di lavoro presso la paninoteca in centro Torino, guardo l’orologio e si sono fatte le 3 del mattino.
Esco dal locale e mi faccio una passeggiata fino a casa.
Adesso vi faccio vedere alcune foto che ho scattato per le strade della città, così vi fate un idea dell’atmosfera che si crea quando non c’è un anima viva in giro.

Scusate la scarsa qualità delle foto ma il mio telefono è… come si può dire? Schifo della Terra? Ecco perfetto!

Continua a leggere